03.01.11

FON

Posted in Net and Hi-Tech at 12:40 by valvola

Dopo l'abrogazione del "decreto pisanu", che prevedeva l'identificazione obbligatoria degli utenti connessi in wireless, pare che si avra' via libera alla diffusione del wi-fi libero anche in italia.
L'iniziativa FON, di cui parla l'articolo di Pino Bruno, sponsorizzata da grandi nomi come Google, Excite ed altri, permette di condividere la propria connessione residenziale con altri utenti che ne avessero bisogno.
Si diventerebbe dei "FON spot" e si potrebbe usufruire di tutti gli altri spot presenti nel mondo.
Un'ottima iniziativa che adesso diventa legale dopo l'abrogazione della cazzata pisanu.

C'e' una cosa pero' che mi preoccupa nella condivisione della propria connessione ad internet: se il fenomeno si diffondesse tanto da diventare di "uso comune", la banda disponibile nell'infrastruttura italiana sarebbe sufficiente?
Nell'uso individuale le connessioni gia' risultano inadeguate nella maggior parte dei casi e, nel caso dell'utilizzo intensivo del "wi-fi sharing", si rischierebbe di occupare buona parte della banda totale disponibile.
Da un calcolo approssimativo si potrebbe ipotizzare un aumento dell'occupazione di banda di almeno il 10-20% e mi farebbe paura l'eventuale reazione dei nostri fornitori d'accesso (tutti privati).

Questi "signori", gia' adesso vendono connessioni di cui dichiarano solo le velocita' di picco, mentre le velocita' reali sono spesso la meta', a volte anche molto meno. Applicano inoltre  limitazioni di banda sul traffico peer to peer e non prevedono banda garantita ne', tanto meno, il QOS per i servizi con priorita' di traffico.

I problemi principali quindi restano:  fornitura di connettivita' che possa chiamarsi veramente "a banda larga", trasparenza delle offerte dei fornitori e non il solito compromesso tutto italiano che ha bisogno di colla e cerotti per restare in piedi e continuare a generare profitti per i soliti noti.
Ben vengano iniziative come quella del wi-fi sharing come il FON, ma non dimentichiamo mai in mano a chi sono le politiche sulle telecomunicazioni e gli interessi economici (sempre quelli eh) che sono in gioco.

« Pagina precedente « Pagina precedente Next entries »

This blog is protected by dr Dave\'s Spam Karma 2: 12072 Spams eaten and counting...