Scajola si dimette: “Mi devo difendere”

I PM dicono che non e' indagato.
Berlusconi: "va via un ministro capace". Certo, a farsi i cazzi suoi e' capacissimo, come ministro che sostiene strenuamente il nucleare e' un incapace, o peggio, un irresponsabile.

Nel 1999 l'Europa ha ratificato una convenzione semisconosciuta, siglata a Strasburgo da tutti i paesi membri dell’Unione e anche da altri che ne sono fuori. Naturalmente l'Italia fa eccezione e ha rifiutato di firmarla.
Essa stabilisce che se qualsiasi funzionario pubblico, compresi i ministri, dovesse accettare soldi o regalie da privati, dovrebbe essere punito gravemente, presupponendo che quei soldi possano servire per favorire chi li ha elargiti. Non sarebbero necessarie implicazioni penali, basterebbe averli accettati per far scattare i provvedimenti.
Come cittadino infatti non mi interessa affatto che siano stati regali dovuti ad eccessi di benevolenza o amicizia. Io non mi fido e me ne fotto che la cosa non abbia rilevanza penale.
Basterebbe l'accettazione di questa norma per ridurre drasticamente i casi di corruzione e concussione.
Sono certo che questo governo, nella sua infinita buonafede e a seguito dell'"incidente" Scajola, si affrettera' a ratificarla in tempi brevissimi.

Lascia un commento