31.08.06

Cara Microsoft,

Posted in About me at 8:59 by valvola

come ti permetti di intrufolarti nel mio PC?

Fate attenzione agli aggiornamenti automatici nelle prossime settimane, potreste ritrovarvi con internet explorer 7 installato a vostra insaputa.

Internet explorer7 NON LO VOGLIO! Come non volevo il controllo Windows Genuine Adv.

Il windows update non deve essere usato per distribuire di software aggiuntivo e tu, cara microsoft non ti devi permettere di amministrare il MIO PC. Non ti e’ bastata la sentenza che ti ha inflitto la comunita’ europea?

No, pare di no…

28.08.06

JukeBox

Posted in About me, Soddisfazioni! at 21:38 by valvola

boooohhh

non lo sooooo

26.08.06

cambio dell’header

Posted in About me, Soddisfazioni! at 14:01 by valvola

boohhh

non lo soooo

23.08.06

La privacy del macchinone turbo

Posted in ....... at 12:32 by valvola

Oh, me tapino, ingenuo e gattino cieco che non sono altro! E io che credevo che già il fisco avesse tutti i miei dati incrociati, l’Iva e l’Irpef e il diavolo che se lo porta. E che sapesse che macchina ho, e se posseggo (no) uno yacht di trenta metri, oppure se posseggo (no) una casa in montagna, o al mare, o un residence che figura come catapecchia per pastori e invece ha tre piscine, oppure la villa di alcuni ettari che per andare dal salotto al cesso ci vuole il motorino! Nella mia infinita e vanagloriosa supponenza io credevo che tutte queste cose esistessero già e che da qualche parte nel segreto ventre dello Stato qualcuno potesse digitare il mio nome su un computer e dire: «ah, ah! Si è comprato una stampante!». O che magari si sapesse, e suonasse un pochino sospetto, che il mio vicino dichiari un reddito da badante polacca e se la rida salendo sul suo gippone biturbo da centodieci mila euro che consuma come lo shuttle! Io credevo che tutto questo esistesse già, che fosse ovvio e naturale e invece apprendo che no, non esiste, forse esisterà, ma per il momento no, e solo ora Visco promette di farlo. Così ora mi tocca sentire gli allarmi e le contumelie dei liberisti contrari all’anagrafe tributaria individuale. I pianti degli alfieri degli alti redditi minacciati dalla lotta fiscale di classe. Le stridule lamentazioni dei teorici del meno-stato-più-mercato che si appellano alla privacy. Lo stato sa dove vivo? Che macchina ho? Sacrilegio! E la mia privacy? Ma una volta imparata l’arte dei dati incrociati, non si smette più. E dunque basta incrociare questa solenne levata di scudi con altre prese di posizione degli stessi arguti pensatori per accorgersi che qualcosa non torna. Non si occupavano di privacy quando le nostre città diventavano un’immensa telecamera per il «controllo del territorio»? Non si angosciavano per l’arroganza dello stato quando decidevano che un ragazzino poteva finire in galera per due canne? No, anzi. In decine e decine di casi lo stato forte gli piaceva parecchio, a questi teorici della privacy ad alto reddito. Tolleranza zero! Finché non ti sale in barca, la tolleranza, o sul macchinone, o non ti entra nel villone. E allora d’incanto, ecco che non la tollerano più, e si appellano alla privacy. Porca miseria, va bene la tolleranza zero, ma bisogna proprio fatturarla?

Alessandro Robecchi (il Manifesto)

20.08.06

Uccisa e nascosta in chiesa…

Posted in About me at 16:45 by valvola

Brescia, il cadavere nel campanile.

La vittima è Elena Lonati, 23 anni era scomparsa da venerdì.
La madre: “L’avevo mandata per accendere una candela”. Per un giorno il cadavere vicino ai fedeli.

Meglio Atei va’…

16.08.06

E poi i coglioni siamo noi!

Posted in MdM at 17:59 by valvola

Porto Rotondo, festa di Ferragosto con tanto di vulcano finto a villa Certosa
La simulazione era talmente realistica da scatenare il panico

E la sera precedente: sfida con gli amici al karaoke

OLBIA – Un piccolo vulcano nel parco della villa di Silvio Berlusconi dal quale fuoriescono lapilli e una lunga colata fiammeggiante ed è subito allarme. E’ successo a Porto Rotondo, poco dopo l’una del mattino: molti residenti della zona, spaventati dalla spettacolare lava nel parco di Villa Certosa e dalle relative fiamme, hanno tempestato di chiamate il 115, numero di emergenza dei Vigili del Fuoco, Protezione civile e Forestale. Le squadre antincendio sono giunte sul posto e hanno accertato che non si trattava altro che di un effetto scenico voluto da Berlusconi per animare la sua festa di Ferragosto. Gli effetti speciali erano talmente accurati da trarre in inganno gli ospiti delle ville vicine, ma anche i volontari del campo della protezione civile di Luogosanto, giunti intorno all’una e trenta alle porte delle villa e immediatamente respinti dal servizio di sicurezza dell’ex premier.

Poche le notizie certe sul party superblindato del 15 notte: pare si sia trattato di un’esclusiva esibizione di Patty Pravo, ma qualcuno parla di un concerto privato di Gigi d’Alessio, che possiede una casa a Palumbanza, poco lontano da quella, più famosa, di Silvio Berlusconi.

Maggiori, invece, le certezze sulla festa della notte precedente: per la veglia di Ferragosto l’ex capo del governo aveva partecipato a un ricevimento con una settantina di altri ospiti. La residenza era, questa volta, Villa Anna, la dimora di fronte a Villa Primavera, di proprietà della madre di Berlusconi. Piatti raffinati e molto champagne per l’ex premier, giunto alla festa insieme alla sua scorta. E per finire il karaoke, nel quale Berlusconi ha sfidato i suoi amici a suon di hit musicali.

« Previous entries Pagina successiva » Pagina successiva »

This blog is protected by dr Dave\'s Spam Karma 2: 12072 Spams eaten and counting...