28.07.06

L’asteroide

Posted in ....... at 14:03 by valvola

Corpo celeste di modeste dimensioni rispetto ai pianeti che, se non ancorato ad un’orbita intorno ad una massa piu’ grande, viaggia nello spazio con moto rettilineo uniforme e velocita’ parecchio elevate.

Asteroide, pezzo di merda, CHE CAZZO TI COSTA CADERE SU MONTECITORIO?

27.07.06

Indulto

Posted in politica at 15:32 by valvola

mah

26.07.06

Ispezioni…

Posted in About me at 19:52 by valvola

va bene per le ispezioni, ma perche’ la sonda rettale?

19.07.06

F O T O V O L T A I C O !

Posted in Ambiente-Energia at 8:28 by valvola

Vista la situazione (greggio a 80$/barile=50cent/litro e benzina, oggi a 1.409€) e’ il caso di iniziare a pensarci SUL SERIO Per chi non lo sapesse: Ottenere corrente elettrica dal Sole. Delucidazioni sugli impianti fotovoltaici: costi, risparmi, suggerimenti e rendimenti. Cosa occorre comprendere prima di acquistare un impianto fotovoltaico: Ci sono realmente molte piccole cose che quotidianamente ci sfuggono, o che spesso dimentichiamo, fingendo che siano concetti per gli altri e non per noi…. la prima operazione da attuare in una abitazione è il risparmio energetico, che non significa tornare all’età della pietra, o diventare un ecologista estremista, ma semplicemente adottare dei piccoli coerenti accorgimenti, al fine di consumare meno e di non doversi dotare a tutti i costi di un impianto fotovoltaico ultra potente. Anche perchè si può arrivare facilmente a consumare la metà, e di conseguenza l’impianto solare costa a sua volta la metà! poi se avete soldi da buttare dalla finestra, allora è un altro discorso…..(speriamo di passare sotto quella finestra nel momento giusto…) In pratica consigliamo vivamente questi piccoli accorgimenti: usare SOLO lampadine a basso consumo, è vero: costano molto di più di quelle normali, ma durano molto di più, consumano molto di meno ed esistono ormai in molte forme diverse, quindi sono facilmente utilizzabili nei comuni lampadari o anche in quelli non-comuni. spegnere gli elettrodomestici quando non sono in uso, questo vale per televisori, stereo hi-fi, videoregistratori, computer ecc., un esempio significativo: quella simpatica lucetta rossa dello stand by del televisore, ci può costare fino a 30 Euro all’anno inutilmente, e in più, in caso di temporali o di scariche elettriche, aumenta di moltissimo la probabilità di guasto del televisore stesso! molto importante questo discorso per il computer, scanner, stampanti ed altri accessori, che ormai spesso non hanno nemmeno più il bottone dello spegnimento, e quindi consumano energia inutilmente 24 ore su 24, quasi con il solo scopo di guastarsi prima: consigliamo una bella ciabatta elettrica con interuttore che stacca la corrente all’intero blocco computer: si risparmia in energia, si evitano spesso inutili guasti e si ha minore emissione di radiazioni elettromagnetiche inutili nel locale ( spesso il computer viene messo in camera da letto dei figli ! ) evitare di lasciare l’illuminazione accesa nelle stanze non occupate scegliere lampadari con minor numero di lampade : a parità di illuminazione prodotta, i lampadari con più lampade, consumano più energia rispetto a quelli con una lampada sola. posizionare il frigorifero o il congelatore in luoghi aerati lontani da fonti di calore. regolare il termostato dei frigoriferi o dei congelatori su un livello intermedio: posizioni più fredde comportano un aumento inutile dei consumi del 10-15%. per le lavatrici: utilizzare ove possibile cicli di lavaggio a bassa temperatura sostituire i vari elettrodomestici quando diventano vecchi, o si guastano, con elettrodomestici moderni e a basso consumo. Con la semplice sostituzione delle lampadine e lo spegnimento dei vari televisori, computer ecc. otteniamo già un risparmio di più di 600-750 KWh, equivalenti anche a 150-200 Euro all’anno! soldi che possiamo usare tranquillamente per comprare le ‘costose’ lampadine a basso consumo (le trovi in qualsiasi negozio serio di elettrodomestici o nei supermercati), ma soprattutto possiamo permetterci un impianto solare di potenza inferiore di almeno 500 Wp sul totale, equivalenti ad almeno 2.000-3.000 Euro risparmiati. ……………..

Quanto spendo per l’impianto solare fotovoltaico e per la manutenzione?

Gli impianti fotovoltaici normalmente vengono venduti in base ai KWh che producono in condizioni di irraggiamento ideale. Un impianto base è quello da 1.200 Wp (significa che in condizioni ottimali produce 1.200 Watt di picco) e produce, se installato nel Nord Italia circa 1.300 / 1.500 KWh/anno, mentre nel Sud Italia 1.600-2.000 KWh/anno. Un impianto del genere costa circa 6.500 Euro iva, installazione e trasporto inclusi. Questi tipi di impianti solari non necessitano di una particolare manutenzione, volendo si possono pulire i vari pannelli fotovoltaici ogni 2-3 anni, anche se normalmente gli stessi si mantengono abbastanza puliti grazie alla pioggia e al vento. Occorre invece magari osservare, di tanto in tanto, le spie presenti sull’inverter, che possono segnalare eventuali guasti, o anomalie nel rendimento, ed eventualmente chiamare l’elettricista di fiducia, per trovarne le possibili cause.

Survultore 48VDC/220VAC

Ma se posseggo una linea elettrica da 3KW di potenza, devo dotarmi di un impianto fotovoltaico da 3 KWp? Questa è una domanda frequentissima, e la risposta è: assolutamente no! L’impianto fotovoltaico fornisce un’energia quasi costante che viene immessa in maniera continua nella rete Enel finchè c’è il Sole. Il circuito solare è quasi un circuito a parte, mentre la corrente elettrica che occorre per l’abitazione viene prelevata direttamente dall’Enel: in questa maniera ho a disposizione una potenza molto elevata (3 KW o più ogni volta che ne ho bisogno. Un circuito solare di 1.200 Wp può produrre energia sufficiente per coprire un’abitazione con un consumo annuale di circa 2.000 KWh, quindi un’abitazione di 3-4 persone con attenti consumi elettrici. Mentre per un’abitazione dove i consumi non sono proprio ‘oculati’ si può pensare ad un impianto fotovoltaico da 2.000-2.400 Wp, ma in linea di massima non è mai consigliato un impianto fotovoltaico da 3.000 Wp, in quanto in questo caso si rischierebbe di produrre inutilmente più energia di quanta ne è necessaria, e in questo momento l’enel non ce la pagherebbe, ma la terrebbe in accredito per l’anno successivo, con il rischio effettivamente di perderla. Continua qui con dati interessantissimi e qui ancora con i dettagli Se certe iniziative fossero spinte a livello politico si avrebbe una riduzione dei costi per dotarsi di un impianto fotovoltaico e potremmo davvero diventare autonomi ed eco-compatibili.

10.07.06

e oggi che dico?

Posted in About me at 18:51 by valvola

BOH…

ma poi chi ha vinto ieri?

This blog is protected by dr Dave\'s Spam Karma 2: 12072 Spams eaten and counting...